AG home












progettazione educativa

EDUCATIVA DI STRADA  

Partire dalla strada per incontrare i ragazzi nei loro contesti di vita quotidiana.
Perché nell’informalità si può vivere senza le regole strutturate del mondo adulto,
si può essere se stessi fino in fondo e quindi ogni ragazzo si scopre e si sperimenta a 360°.
In questo senso non possiamo che pensare alla strada
come uno dei luoghi d'incontro educativo.

Gli educatori devono essere in grado di calarsi nel contesto, senza aggredire il gruppo e le dinamiche relazionali già presenti; devono saper cogliere le potenzialità del singolo e di tutti, analizzando i bisogni e ascoltando i sogni.

Da sempre AnimaGiovane e Altresì sposano il pensiero di don Milani, don Luigi Ciotti, Paul Freire, Marco Rossi Doria e di tutti coloro i quali hanno dedicato la loro missione educativa a chi vive ai margini, a chi abita la strada.

Da qui parte la nostra idea progettuale denominata IN&OUT, per dire che la casa e la strada sono due contesti e luoghi in relazione.

Talvolta la strada diventa casa ma anche quest'ultima deve lasciare aperta la porta a ciò che la prima racconta; allo stesso tempo devono essere distinte, perché ognuna ha le proprie caratteristiche, e proprio questa preziosa differenza origina il collegamento.

I ragazzi hanno bisogno di mettersi in gioco sperimentandosi anche in contesti in cui il contenitore degli adulti è meno esplicito; allo stesso tempo devono poter contare su una casa nella quale tornare e rielaborare le proprie esperienze di crescita.

L’obiettivo delle nostre proposte è creare occasioni d’incontro tra chi vive all’interno dei contesti formali dell’educazione e della formazione e chi invece, per qualche ragione, ne è rimasto fuori. Questo incontro deve avvenire in un’ottica di comunità; la relazione deve aprirsi al territorio, che deve dimostrarsi capace di ascoltare e dare spazio a chi apparentemente uno spazio non ce l’ha.

Questa nostra progettualità si concretizza nel periodo estivo nel  PROGETTO "estADÒ".

"estADÒ" è un’iniziativa rivolta agli adolescenti e giovani (15 -21 anni): si sviluppa in alcuni luoghi di aggregazione informale, riconosciuti dagli stessi destinatari del progetto, come spazi d’incontro e socializzazione tra pari.

L’obiettivo è quello di creare un’occasione d’incontro tra giovani, che sia al confine tra una proposta strutturata e un momento di puro scambio relazionale, fuori da ogni attività o laboratorio pre-impostato. Così è possibile andare ad intervenire sugli aspetti salienti del percorso di crescita dei ragazzi e sul loro modo di gestire il proprio tempo libero, che talvolta rischia di divenire un “tempo vuoto”, invece che un tempo “ri-Creativo”.

Tutto ciò avviene attraverso accoglienza animata, laboratori artistici, tornei sportivi, art-contest, giochi di società e tante altre occasione per esprimere liberamente le idee e la creatività dei ragazzi, che si lasceranno coinvolgere in un totale clima di libertà e relax.

Nella nostra storia abbiamo realizzato il progetto estADÒ a:

  • Torino, in collaborazione con il Comune nel territorio delle Circoscrizioni 9 e 2
  • Vinovo, in collaborazione con la parrocchia San Bartolomeo
  • Este, in collaborazione con il Comune ed il Patronato
  • Padova, in collaborazione con il Comune, il C.S.I. e l’associazione sportiva U.S. Nativitas

Il progetto è realizzabile attraverso finanziamenti da parte di enti pubblici o privati e fondazioni.

Se vuoi avere più informazioni, scrivi direttamente a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

sostegno progetti centri-estivi educasport

Informativa ai sensi dell'art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196
Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per maggiori informazioni su come utilizzare e gestire i cookie, consulta la pagina "Informativa sui cookie".
Chiudendo questo elemento o interagendo con questo sito senza modificare le impostazioni del browser acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie di cui fa uso il sito.